IL PAPILLON

I primi ritratti di questi piccoli cani si trovano nella pittura rinascimentale ma con caratteri ancora disomogenei; la vasta iconografia sta’ a dimostrare che si tratta di una razza già diffusa a quell' epoca, per cui le sue origini sono del tutto europee occidentali.
La sua formazione è però merito degli allevatori francesi e belgi, in quanto, dopo aver rischiato la scomparsa in conseguenza della Rivoluzione francese, è in questi due Paesi che, nel secolo scorso, essa viene selezionata e suddivisa in due varietà distinte dal portamento delle orecchie ( ad orecchie dritte o Papillon, a orecchie cadenti o Phaléne ).
Il battesimo di questa razza è avvenuto nel 1934 con la nascita del club francese e con la ratifica dello standard da parte della FCI nel 1937.


CARATTERE

Cane calmo, dolce e paziente ma di grande sensibilità, sempre alla ricerca di una carezza dal padrone col quale vuole un rapporto esclusivo; con gli estranei mantiene le distanze.
In appartamento abbaia solo se sente persone alla porta di casa.
Anche se all’apparenza sembra fragile, è invece resistente e si ammala molto difficilmente. Le uniche attenzioni vanno rivolte al pelo che deve essere spazzolato per evitare che si annodi ( è sprovvisto di sottopelo) e ai denti per eliminare l’eventuale deposito di tartaro.
Ultimamente si sta’ dimostrando un ottimo compagno per gli appassionati dell’agility.

TAGLIA: Altezza massima cm. 28

PESO: Due categorie:

  1. meno di 2,5 Kg per maschi e femmine
  2. da 2,5 a 4,5 Kg per i maschi ; da 2,5 a 5 Kg. Per le femmine.

DIFFUSIONE:
Attualmente è presente in Francia, Belgio, Olanda e Germania mentre è abbastanza raro in Italia.